BOSNIA - Sakriveni identitet - (L'identità velata - Sarajevo, dal buio alla luce)

Per una migliore comprensione del mio lavoro, Vi consiglio di visionare il filmato seguente…!
Grazie




ITALIANO:

Sarajevo è una città ferita. L’intera Bosnia è una terra ferita.
passeggiando per le vie della città odierna si sente il peso di un assedio durato anni, il profumo del ferro delle pallottole e i segni dei mortai caduti. Sarajevo è stata forte ma allo stesso tempo debole, impreparata ma resistente, come le decine di palazzi colpiti da migliaia di pallottole o come la gente che è riuscita a riconquistare la sua identità.
Parlare di identità a Sarajevo è dura, con le sue 4 religioni ufficiali e la sua multietnicità … per questo che la considero forte!
Nonostante il marcio ancora presente lei sa ridere, sa vedere ancora la luce. Appena entrato in città i miei occhi si sono riempiti di una tristezza indefinita, non è bello vedere cimiteri improvvisati in cortili di case o sotto i cavalcavia ed enormi cimiteri bianchi sulle colline. C’è il segno tangibile della distruzione e il lento, lentissimo movimento della ripresa (dopo 20 anni). Ho scattato foto anche qui, si l’ho fatto, ma stavolta le mie emozioni hanno vinto sulla mia battaglia personale fotografica. Ho chiuso gli occhi parecchie volte per fotografare muovendo lentamente la macchina, esattamente come Sarajevo.. una città affascinante ma ricca di contrasti, una città dolce, una città viva fatta di ragazzi che non sanno, o sanno ma non immaginano e si limitano a raccontare storie sentite dai grandi… è cosi. Ho fotografato ad occhi chiusi perché quello che vedevo era una realtà nascosta, una maschera che ad occhi aperti non si sarebbe dimostrata storia… in fondo è difficile o meglio impossibile immaginare cosa abbiano provato quelle persone durante l’assedio, lo è per tutti…. Chiudendo gli occhi mi è sembrato di essere li in quel periodo, mi è sembrato di vivere paura, desolazione e terrore, e muovendomi nel buio ho scattato per cercare la luce. Quella stessa luce che ho poi incontrato negli occhi di alcuni ragazzi, nel loro gioco, nel loro vivere quotidiano (in periferia o in centro). Per questo ho diviso il lavoro in 2 parti… la prima è il buio profondo della storia, l'ansia del terrore e la paura del domani… la seconda è la luce del futuro.
è difficile immaginare, ripeto.. così come pensare ai rumori, alle speranze, al silenzio a volte assordante delle notti e dei giorni bosniaci! voglio riuscire a trasmettere il rispetto per quella terra ferita che mi ha ospitato e chiedo scusa in anticipo se non sarò in grado di farlo.

Buona visione


BOSNIACO:

Sarajevo je jedan povrijeđen grad. Unutrašnja Bosna je sva povrijeđena. Prolazeći kroz ulice ovog grada osjeti se teškoća opsajde koja je trajala godinama, miris željeza, metaka. Sarajevo je bio jak ali u istovremeno i slab, nepripremljen ali izdržljiv, kao i desetine objekata koji su pogođene od hiljade metaka ili kao narod koji je uspio vratiti svoj identitet. Pričati o identitetu u Sarajevu je teško, sa svoje 4 religije (vjere) zvanične i sa svojom multietničnost ... zato ga smatram jakim !
Uprkos svega još uvijek on se zna smijati, zna pokazati svjetlost. Ulaskom u grad moje oči su bile popunjene tugom, nije lijepo vidjeti slučajna groblja u avlijama kuća ili ispod nadvožnjaka i ogromna bijela groblja na brdima. Postoje još uvijek opipljivi znakovi od uništavanja i spor, veoma spor tok oporavljanja (poslije 20 godina). Slikao sam i ovdje, da uradio sam to, ali ovog puta emocije su pobijedile na moju osobno-fotografku borbu. Zatvorio sam oči nekoliko puta da bi slikao pomjerajući polako aparat, baš kao Sarajevo ... Jedan predivan grad ali pun kontrasta, jedan slatki grad, jedan živi grad ispunjen mladima koji ne znaju, ili znaju ali ne zamišljaju pa se ograniče slušajući priče starijih... tako je.
Slikao sam zatvorenih očiju jer ono što sam gledao je skrivena istina, jedna maska koja otvorenih očiju ne bi mogla pokazati priču... Na kraju je teško ili bolje reći nemoguće zamisliti šta je sve morao da izdrži taj narod tokom opsajde... Zatvarajući oči učinilo mi se da sam u tom periodu, učinilo mi se da živim strah, razočarenje i bol, i kratajući se u mraku slikao sam da bih našao svjetlost. Onu istu svjetlost koju sam pronašao u očima neke omladine, sa njihovim igrama, sa njihovim svakodnevnim životima (u predgrađu ili centru).
Zato sam ovaj posao podijelio na 2 dijela... prvi dio je duboki mrak ove historije, drugi je svjetlost budućnosti.
Ponavljam teško je zamisliti ...tako kao misliti o galami, o nadama, o tišini, ponekad zaglušujuće bosanske noći i dani.
Hoću da uspijem da prenesem poštovanje za tu povrijeđenu zemlju koja me ugostila i izvinjavam se unaprijed ako to nisam uspio

Sa poštovanjem


Grazie a MERIMA DZEVLAN per la traduzione
Options
1 / 21 enlarge slideshow
Options
2 / 21 enlarge slideshow
Options
3 / 21 enlarge slideshow
Options
4 / 21 enlarge slideshow
Options
5 / 21 enlarge slideshow
Options
6 / 21 enlarge slideshow
Options
7 / 21 enlarge slideshow
Options
8 / 21 enlarge slideshow
Options
9 / 21 enlarge slideshow
Options
10 / 21 enlarge slideshow
Options
11 / 21 enlarge slideshow
Options
12 / 21 enlarge slideshow
Options
13 / 21 enlarge slideshow
Options
14 / 21 enlarge slideshow
Options
15 / 21 enlarge slideshow
Options
16 / 21 enlarge slideshow
Options
17 / 21 enlarge slideshow
Options
18 / 21 enlarge slideshow
Options
19 / 21 enlarge slideshow
Options
20 / 21 enlarge slideshow
Options
21 / 21 enlarge slideshow
loading