Settimana santa, un viaggio nella Puglia del simbolismo più antico (bari.repubblica.it)

Da Francavilla Fontana a Taranto e da Canosa a Noicattaro un percorso per immagini alla scoperta dei riti che attraversano i secoli

di ANTONIO DI GIACOMO

()Ma è fuori discussione che resta Taranto la capitale "simbolica" dei riti della Settimana santa in Puglia. Riti che quest'anno, nel capoluogo jonico, saranno caratterizzati, dopo mezzo secolo, dal ritorno della processione fra i vicoli di Taranto vecchia. Per celebrare 250esimo anniversario della donazione alla confraternita del Carmine, da parte della famiglia dei Calò, delle statue in cartapesta di Gesù morto e dell'Addolorata da cui è poi nata la processione dei Misteri del Venerdì santo. Per ricordare la donazione, allora, quest'anno i Misteri torneranno dopo 48 anni di assenza nella città vecchia di Taranto modificando il consueto percorso. Ed è nel cuore della notte, un minuto dopo la mezzanotte del Venerdì santo, che prende avvio la processione dell'Addolorata destinata a proseguire fino al mattino. Finché nel pomeriggio del venerdì sarà la volta della processione dei Misteri, per protagonisti i "perdoni", ovvero gli adepti della Confraternita del Carmine: incappucciati, vestiti di bianco con un cappello nero dalle falde larghe e col loro lento procedere a piedi nudi.()Un minuto dopo la mezzanotte del Venerdì santo dalla chiesa di San Domenico prende avvio la processione dell'Addolorata, destinata a continuare fino al mattino. E' il rito di apertura della Settimana santa di Taranto, i cui riti quest'anno compiono 250 anni. Si tratta senza dubbio dei più partecipati e celebri riti devozionali per la Pasqua in Puglia: a raccontarlo il reportage in bianco e nero, realizzato nel 2014, dal giovane fotografo barese Giuseppe Tangorra. La ricerca fotografica di Tangorra è incentrata sui luoghi dell'abbandono e il reportage di viaggio, in Italia e nel resto del mondo.

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO http://bari.repubblica.it/cronaca/2015/04/01/news/settimana_santa_un_viaggio_nella_puglia_del_simbolismo_piu_antico-111000683/

loading